NOTIZIE

Le otto migliori tendenze SEO per il 2020

Da 17 Dicembre 2019 Nessun Commento

Ogni giorno nascono nuove attività, la concorrenza aumenta.
Google apporta centinaia di modifiche agli algoritmi di ricerca ogni anno. Sebbene la maggior parte delle modifiche siano minori, potrebbero influire sul ranking della ricerca.

Queste sono alcune delle tendenze SEO che ci aspettiamo dal 2020.

1. Ricerca vocale: le persone cercano come parlano

“Google, riesci a trovare il posto per taco più vicino a me?”
Nel solo 2017 sono state effettuate 33 milioni di query di ricerca vocale. I dati di marzo 2019 mostrano che il 20% delle query mobili sono ricerche vocali.
Man mano che la ricerca vocale diventa sempre più popolare, sempre più persone digitano le query di ricerca nello stesso modo in cui parlano.
Notare che la maggior parte di queste query di ricerca sono lunghe e molto specifiche? Gli utenti desiderano una risposta accurata basata sulla posizione.
Quindi, ottimizza il tuo sito Web per la SEO locale.

2. I frammenti in primo piano continueranno a dominare i risultati della ricerca

Uno snippet in primo piano o risultato zero è il primo risultato di google per quella query. Google lo visualizza nella parte superiore del risultato SERP, sopra gli annunci organici e a pagamento.
Sono in circolazione da alcuni anni e hanno portato a cambiamenti significativi nella pagina dei risultati del motore di ricerca di Google. Quasi la metà di tutte le ricerche non genera clic perché gli utenti ottengono le risposte di cui hanno bisogno direttamente dalle SERP. In effetti, uno studio Ahref su 2 milioni di snippet in primo piano ha rivelato che lo snippet in primo piano riceve più traffico rispetto al primo risultato di ricerca organico.

3. Un numero maggiore di esperti di marketing farà leva sugli influencer per il SEO

Il 17% delle aziende ha speso oltre la metà dell’intero budget di marketing per influencer. Le statistiche evidenziano l’importanza del marketing degli influencer per le aziende, in particolare quelle di moda, bellezza, ecommerce, viaggi e stile di vita.
Gli utenti online sono sopraffatti dalle pubblicità. Stanno cercando informazioni autentiche di cui si possano fidare. La maggior parte delle volte, la fonte di tali informazioni sono recensioni di influencer. È più probabile che si fidino delle informazioni di un influencer che di un annuncio.
Quindi, qual è la relazione tra influencer marketing e SEO? Lavorare con un influencer ti aiuta a generare traffico, aumentare la tua visibilità online e amplificare la portata dei tuoi contenuti.
Molte aziende non vedono il ritorno sul proprio investimento nel marketing degli influencer perché non pianificano o eseguono correttamente i loro contenuti sponsorizzati. Il tuo marketing fallisce se non si allinea alle esigenze del tuo pubblico.
Per ottenere il massimo dal budget, collabora con influencer della tua nicchia che già interagiscono con il tuo pubblico di destinazione. I backlink che guadagni dai siti di influencer mostrano anche autorità a Google e migliorano i tuoi sforzi SEO.

4. BERT è qui per restare

BERT (rappresentazioni di encoder bidirezionali dai trasformatori) consente a chiunque di addestrare il proprio sistema di risposta alle domande. Questa è la prima grande modifica che Google ha apportato al suo algoritmo di ricerca da RankBrain nel 2014.
BERT avrà un impatto su una query su dieci. I marketer SEO che applicano i modelli BERT aumentano le loro possibilità di posizionamento nella prima pagina per i frammenti in primo piano in Google SERP.
Solo per chiarire, non è possibile ottimizzare per BERT. Google utilizza BERT per migliorare la sua comprensione del linguaggio naturale.

Prima di scrivere, analizza la classifica dei dieci principali contenuti nella prima pagina di SERP per quella specifica parola chiave. Il risultato è informativo, transazionale o di navigazione? Crea contenuti che corrispondano alle intenzioni dell’utente in base alla tua analisi.

5. Le persone vorranno esperienze digitali

Il 44% delle aziende ha adottato un approccio digitale per migliorare l’esperienza del cliente. Considerando che, il 56% dei CEO ha affermato che i miglioramenti hanno portato alla crescita dei ricavi.
La velocità di caricamento della pagina è un importante fattore di ranking. Grandi contenuti non significano nulla se la tua pagina web non si carica rapidamente o se hai un’interfaccia utente complessa.

Focalizza la tua esperienza utente sull’aiutare i clienti a trovare le informazioni di cui hanno bisogno. Aiuta i visitatori a passare facilmente al passaggio successivo.
La mancanza di chiarezza nei messaggi aumenta anche la frequenza di rimbalzo e influisce negativamente sulla SEO del tuo sito.

6. Il video sarà il nuovo re dei contenuti

Google ama i video. È una parte cruciale della tua strategia SEO e degli sforzi di marketing digitale. Secondo una ricerca di Forrester, il video ha una probabilità 50 volte maggiore di apparire sulla prima pagina di SERP rispetto a una pagina web con testo semplice. Inoltre, il 62% delle ricerche universali di Google include video.
Crea utili video di YouTube che supportano i contenuti esistenti sul tuo sito web. Non è una garanzia per i risultati della prima pagina, ma godrai di un traffico maggiore quando Google indicizza il tuo video.
Incorpora video sul tuo sito Web per ottenere più traffico. Ricorda di ottimizzare il video in base alla larghezza del tuo blog.

7. La lunghezza del contenuto determinerà le classifiche di ricerca

Solo contenuti di alta qualità possono aiutarti a battere la concorrenza nella classifica di pagina 1. Ma dovrai anche considerare la quantità insieme alla qualità.
Ci sono molti argomenti sulla lunghezza ideale di un post sul blog. La ricerca mostra che la lunghezza media dei primi 10 risultati è di almeno 2.000 parole. Questo perché le pagine web con contenuti di lunga durata e di alta qualità godono di maggiore visibilità.
Tuttavia, il contenuto deve rispondere in modo completo alla domanda posta dall’utente e alle domande relative alla query di ricerca principale.
Articoli lunghi aumentano il tempo di permanenza, il che dice a Google che gli utenti apprezzano i tuoi contenuti.

8. La ricerca mobile continuerà a crescere

L’87% degli utenti di Internet utilizza telefoni cellulari e il 40% delle transazioni avviene su dispositivi mobili. Google è passato all’indicizzazione mobile-first il 1 ° luglio 2019 per migliorare l’esperienza di ricerca mobile.
Non puoi andare lontano sui risultati dei motori di ricerca se non sei ottimizzato per i dispositivi mobili. Pensa oltre i design reattivi ai rich snippet.
Se hai ottimizzato per la ricerca vocale, hai anche ottimizzato per i dispositivi mobili. Oltre a incorporare parole chiave a coda lunga per il SEO on-page, modifica la struttura e la rappresentazione del contenuto per il SEO tecnico.

Conclusione

Proprio quando pensi di comprendere appieno la SEO, si verificano aggiornamenti dell’algoritmo. La SEO di oggi è un processo olistico che richiede strategie di marketing offline e online per avere successo. Investi nella SEO come strategia a lungo termine per la generazione di lead e rimani aggiornato sulle ultime tendenze SEO per evitare di rimanere indietro.